Facevo prima col treno

Facevo prima col treno.

Una mattina mi son svegliato e ho trovato lo zaino pronto.

Era il 20 agosto del 2014 e avevo voglia di arrivare a Roma a piedi. Si trattava fare una prima tappa di raccordo di 25 km per andare a “imboccare” la via Francigena tra Castelfiorentino e Montaione. Quella mattina mi accompagnarono gli amici con cui avevo camminato anni prima verso Santiago de Compostela; la tratta fu scorrevole e gaudente come una giornata d’estate tra ragazzi. 

Ma la prospettiva di salutarli l’indomani e proseguire da solo mi spaventava. Non ho mai pensato di avere un carattere forte: si cammina per otto ore al giorno, gli scorni sono tanti e le prime disavventure mi avevano già impanicato. Il caricabatterie del cellulare si era infatti fiammato poco prima della partenza – quest’aggeggio oggi è insieme guida turistica, navigatore gps, macchina fotografica, segnale d’emergenza, rincuora-mamme, eccetera – e il prete di Castelfiorentino, col quale avevo fissato in un indefinito ‘orario pomeridiano’, arrivò a darmi un giaciglio solo alle 20. 

Il sagrato sotto il culo per cinque ore fu tosto da reggere; per la noia, però, aprii il mio quadernino rosso e cominciai a riportare i miei pensieri. Ne saltò fuori un diario del pellegrinaggio che a pezzi ho lanciato nell’etere dell’internet, insieme a lamentazioni varie, fotografie e informazioni sul cammino.

Da quel giorno divenne un rito: fermare i piedi, poi i pensieri e condividere; un rito che contribuì ad alimentare un’energia che non pensavo di possedere, che mi portò fino a Roma, nonostante un’altra tonnellata e mezzo di piccole e medie (grandi mai, per fortuna) disavventure. Mentre io vivevo il mio cammino, chi su Facebook leggeva i miei commenti, partecipava. Da allora aspetto il momento per mettere tutto insieme, rivedere e correggere uno spicchio di bella vita e decorarlo con un po’ di riflessioni a mente fredda.

E ora, eccoci: il libro uscirà in autunno per i tipi di Ibiskos Editore! Ho pensato di finanziare il progetto attraverso una campagna di crowfunding, iniziativa descritta 

FACEVO PRIMA COL TRENO – Diario di un pellegrino lungo la via Francigena

Montelupo-Roma dal 20 agosto al 5 settembre 2015. Storia di 400 km di vesciche, incontri, sole e dissenteria.